Il Massim (Nuova Guinea - Oceania)

massimL'area del Massim comprende l'etremità orientale della Nuova Guinea e gli arcipelaghi circostanti.
Le popolazioni, giunte in epoche relativamente recenti rispetto agli abitanti dell'interno, hanno lingue e culture tra loro simili.
Gli abitanti degli arcipelaghi, abili navigatori e commercianti, sono collegati in un complesso sistema rituale di scambi chiamato kula. Nel corso di questi scambi le traversate tra le isole vengono compiute con grandi canoe cerimoniali. L'economia è basata sulla produzione di tuberi; gli abitanti del Massim sono tr ai migliori coltivatori dell'Oceania. I loro orti sono molto curati e sono fonte di orgoglio e di prestigio per i proprietari.
La cultura del Massim ha elaborato una raffinata forma di arte, creata d aartisti professionisti che godono di elevato rango sociale.
 
Un aparte consistente della vita lavorativa degli abitanti è rivolta alla produzione agricola e agli orti; su questi si contrano gli interessi e le ambizioni dell'individuo. Vengono coltivato l'igname, il taro, la patata dolce e la produzione supera di gran lunga le possibilità di consumo. L'esibizione e l'accumulo dei prodotti della terra è fonte di orgoglio e di prestigio: gli uomini che hanno maggiore autorità accumulano e ridistribuiscono grandi quantità di prodotti agricoli. Gli orti sono sottoposti a molte cure e attenzioni per migliorarne l'estetica.
Tutte le attività sono soggette alla forza soprannaturale della magia. I rituali magici organizzano e regolano tutte le più importanti attività umane, soprattutto i lavori agricoli.
Anche la malattia e la morte sono ritenute opera di stregoneria; l'individio si difende ricorrendo ai servigi di un mago. Questi personaggi godono di una grande considerazione e di un elevato status sociale.
Il contatto con il mondo esterno ha determinato rapide trasformazioni nel sistema religioso e sociale indigeno comn la progressiva perdita delle credenze tradizionali.

Stampa Email