Le maschere (Nuova Irlanda - Oceania)

gesPer il rituale del malagan vengono usate diverse maschere che posso rappresentare il defunto o uno spirito della foresta.
Le maschere dei defunti vengono indossate dai danzatori, mentre quelle che rappresentano gli spiriti della foresta posso essere esposte insieme alle sculture.
Il tipo di maschera più diffuso è la tatanua; la cresta caratteristica di questo tipo evoca le acconciature portate un tempo dagli uomini dell'isola. Nel corso della cerimonia conclusiva del ciclo malagan i danzatori mascherati si esibiscono davanti alla capanna in cui sono esposte le sculture.
Durante le danze la presenza degli spiriti dei defunti e degli spiriti della foresta nelle maschere segna il momento culminante dell'intero ciclo cerimoniale.
 
L'uomo, secondo gli abitanti della Nuova Irlanda, possiede diverse anime.
La maschera tatanua rappresenta l'anima principale dell'individuo defunto e ha caratteristiche antropomorfe. Il volto è in legno, la caratteristica cresta è in fibre vegetali.
La maschera ges, che generalmente non ha un aspetto antropomorfo, rappresenta una specie di "doppio" dell'anima, molto potente e pericoloso. L'avvio del ciclo finale del malagan è segnato da due danzatori che, indossano maschere ges, escono dalla foresta, dove risiede questo tipo di anima, e irrompono nel villaggio.
Le maschere wanis rappresentano gli spiriti della foresta e presentano tratti umani e animali al tempo stesso.
I colori usati tradizionalmente per le maschere, il bianco, il nero, il rosso e il giallo sono associati all'uso della magia sia nella guerra che nella stregoneria.
 
*Foto: maschera ges

Stampa Email