Regno vegetale

Canapa (Cannabis sativa)

cannabis sativaRegno: Plantae
Sottoregno: Tracheobionta
Superdivisione: Spermatophyta
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Magnoliopsida
Sottoclasse: Hamamelidae
Ordine: Urticales
Famiglia: Cannabaceae
Genere: Cannabis
Specie: Cannabis sativa
 
Erbacea perenne della famiglia delle Canapacee, originaria dell'Asia centrale. È estremamente coltivata per la produzione di fibra, sia per quella dei semi, usati per ricavarne olio commestibile. Arriva fino a 5 metri, con escrescenze resinose, angolate, a volte cave, specialmente al di sopra del primo paio di foglie; foglie basali opposte, le più alte alternate, palmate, raramente singole, lanceolate, punte acuminate fino a 10 cm di lunghezza, 1,5 cm di grandezza; fiori monoici o dioici; frutti marroni, achene brillante, trattengono strettamente i semi con un endosperma carnoso e un embrione curvo.
 
 
FARMACOLOGIA
La canapa viene utilizzata nel trattamento del glaucoma e in America viene prescritta sotto controlli medici ed è impiegata anche come analgesico.
 
PSICOTROPI
Sostanze psicotrope come l'hashish o la marijuana possono essere ricavate sia dalla Cannabis indica sia dalla Cannabis sativa, sia da varietà ibride in varie proporzioni di queste due specie.
L'hashish può essere ricavato in vari modi dalle infiorescenze delle piante femmina, mentre la marijuana sono le infiorescenze stesse essiccate.
 
AMBIENTE
La canapa si adatta ai più svariati ambienti, anche se i migliori risultati produttivi si ottengono in zone umide e con temperature tra 20/25°C durante tutto il ciclo e nei terreni argillosi.

Stampa Email