Le infezioni durante la gravidanza possono raddoppiare la percentuale di autismo

20130115003143NEW YORK, febbraio 24 (IVANPERCIBALLI.COM) - Uno studio della Columbia University pubblicato il 24 febbraio ha reso noto che le donne che hanno avuto infezioni nelle prime fasi della gravidanza possono essere due volte esposte alla probabilità di avere un bambino con autismo.

"Crediamo che la risposta immunitaria della madre di HSV-2 (herpes simplex di tipo 2) potrebbe perturbare lo sviluppo fetale del sistema nervoso centrale, aumentando il rischio di autismo", così ha detto il capo della squadra di ricerca Milada Mahic a NBC News.

Come avviene con il virus Zica per esempio, può causare gravi difetti alla nascita.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista MSPH, un giornale americano che rende contributi fondamentali per le scienze microbiche.

Tuttavia, alcuni esperti hanno tratto una conclusione diversa. Ian Lipkin, un esperto di malattie infettive della Columbia University che ha curato la ricerca, ritiene che in realtà è la risposta immunitaria della madre che provoca il danno.

Le sostanze chimiche prodotte dall'infiammazione attraversano la placenta e influenzano direttamente lo sviluppo del cervello nel feto, Lipkin ha detto.

L'autismo si riferisce ad una vasta gamma di sintomi, tra cui un lieve disagio sociale della sindrome di Asperger, il ritardo mentale.

Stampa Email