Nuova Zelanda - Parkinson: identificato come si diffonde nel cervello

d1584 i4542WELLINGTON, 24 febbraio (IVANPERCIBALLI.COM) - Dei ricercatori neozelandesi affermano di aver fatto un passo avanti nel potenziale trattamente per la malattia debilitante di Parkinson identificando come si diffonde nel cervello.

Gli scienziati dell'Università di Auckland hanno detto di avere la prima forte prova che la condizione neurodegenerativa progressiva, diffusa attraverso le proteine ​​patologiche, note come corpi di Lewy, che queste si spostano da una cella all'altra.

"Qui abbiamo la prima prova del meccanismo di controllo della diffusione nelle cellule in coltura", ha detto il leader della ricerca Professore associato Maurice Curtis in un comunicato.

"L'implicazione è che se c'è uno spread dei corpi di Lewy nel cervello, allora la diffusione potrebbe essere fermata nella fase iniziale", ha detto Curtis.

"Questo meccanismo di diffusione ci fornisce nuovi obiettivi per lo sviluppo dei trattamenti della malattia di Parkinson", ha detto.

Il meccanismo che le cellule utilizzano per diffondere i corpi di Lewy avviene tramite strutture chiamate nanotubi di tunneling che hanno agito come condotti tra due cellule attraverso i quali le proteine ​​di grandi dimensioni potrebbero passare.

"Il nostro lavoro ha anche dimostrato che le cellule non neuronali, in questo caso le cellule dei vasi sanguigni chiamati periciti, sembrano portatori e diffusori dei corpi di Lewy piuttosto che i soli neuroni", ha detto Curtis.

"La maggior parte della letteratura suggerisce che i corpi di Lewy causino la maggior parte dei problemi nei neuroni, ma da questo documento propone periciti dei vasi sanguigni ad essere significativo."

Stampa Email